RONIN: Sport, Storia e Territorio

Ronin significa Samurai senza padrone e questo ideale di libertà Libero Galimberti lo scelse per battezzare la sua palestra, era il 15 febbraio 1972. Per celebrare la ricorrenza la Società Sportiva Dilettantistica RONIN MONZA ha appena spento le 45 candeline con una splendida festa al Teatro Manzoni. Un anniversario come altri?

Non proprio, Ronin è la Storia delle arti marziali a Monza, è stata la culla di migliaia di appassionati delle arti marziali e forgia nuove giovanissime leve dialogando costruttivamente con la città di Monza.    E’ la grande eredità lasciata a Fabio Contento judoka dal 1982 al 1097, cintura nera III dan, istruttore tecnico federale che sottolinea il valore degli anni trascorsi come allievo e amico di Galimberti: “Sulle orme del Maestro Galimberti nel solco della tradizione”.

Fedeli alla tradizione inserendo, gradualmente, nuove discipline, un piccolo restyling per attestare che i 45 anni di vita della palestra sono stati un continuo germogliare di idee e di consensi. Si aggirano, infatti, tra i 500-600 coloro che annualmente si avvicinano alla celebre (e attrezzatissima) palestra di via Savonarola dove, pur con la prevalenza di judo, poi karate, kung fu,sanda,  ecco la ginnastica per donne, il training funzionale e “Movi Mente”, una ginnastica per bambini in età prescolare molto apprezzata  e la neuromotoria.

il presidente Fabio CONTENTO
uno scorcio dell’ampio tatami

Dicevamo che Ronin è Sport, Storia, ma anche Territorio perché è protagonista del Progetto motorio Monza, dell’insegnamento nelle scuole, è nel Consorzio Brianza (quartieri sportivi). In calendario anche la partecipazione a manifestazioni agonistiche e scambi internazionali: per Pasqua ricambieranno la visita di un gruppo francese raggiungendo Colmar, in Alsazia.  Un paio di mesi dopo saranno tra i protagonisti del 42° Monza Sport Festival.

…e della palestra

La SSD RONIN MONZA è in via Savonarola 19  tel 039 2021000  cell 347 9650253   http://www.roninmonza.it/