L’Astro Roller Skating non ha avuto rivali al Campionato regionale Freestyle FISR

Debutto di stagione coi fiocchi per l’Astro Roller Skating, impegnato domenica nella fase 1 del Campionato regionale Freestyle FISR Lombardia a Vigevano: medaglia d’oro come miglior società (staccando di oltre cinquanta punti il team dell’Accademia Bustese secondo classificato), cinque primi posti individuali, sette medaglie d’argento, quattro medaglie di bronzo e numerosi piazzamenti. Trentatré atleti gli atleti monzesi in gara, accompagnati dal coach Andrea Ronco che è anche commissario tecnico della nazionale italiana del pattinaggio in linea freestyle. Lo squadrone Astro era formato da Alessandro Lissoni, Roberto Ferrari, Matilde Arosio, Laura La Volpe , Enrico La Volpe, Matteo Pallazzi, Elisa Scaglia , Elisa Pacchetti, Arianna Crippa ,Tommaso Isman, Stefano Galbiati , Carlo Bernyack, Giorgia Pavanello, Martina Orini, Francesca Conzi, Elisa Paoli, Federico Biaggio, Giulia Zendrini, Sara De Tomasi, Michela Pavanello, Eleonora Frison, Davide Picca, Sara Cobzaru, Valeria Ceriello, Zoe Cassano, Giorgia Longo, Valentina Cacciatore, Andrea Caria, Giorgio Menin, Niccolò Chiella, Stefano Longo, Lisa Ferrari, Greta Sassanelli. Sono saliti sul gradino più alto del podio nelle rispettive categorie: Greta Sassanelli (Esordienti), Matilde Arosio e Stefano Galbiati (Juniores), Elisa Paoli e Alessandro Lissoni (seniores). Piazzamenti d’onore per Lisa Ferrari (Esordienti), Andrea Caria (Ragazzi), Sara Cobzaru (Allievi), Sara De Tomasi (Allievi),Tommaso Isman (Juniores), Laura ed Enrico La Volpe (seniores). In particolare, Enrico ha fatto segnare il miglior tempo nelle fasi di qualificazione. Terzi Stefano Longo (Esordienti), Giorgio Menin (Ragazzi), Giorgia Pavanello e Matteo Pallazzi(Seniores). “Sono contenta per gli ottimi risultati sportivi-ha dichiarato la presidente di Astro Roller Skating Luisa Biella- ma anche per la motivazione dimostrata dai ragazzi dopo il lungo fermo dovuto alla pandemia. Riprendere le gare è un grande stimolo per tutti noi!”.